Banche, Enria: “Affrontare aumento NPL per non minare ripresa”

(Teleborsa) – Il capo della vigilanza bancaria europea Andrea Enria, in audizione alla Commissione economia dell’Europarlamento, torna a parlare della redditività delle banche e delle prospettive di aumento dei crediti deteriorati quando terminerà il supporto pubblico legato all’emergenza Covid.

Enria parla di un “effetto precipizio” sulla qualità del credito determinato dallo scadere delle misure di sostegno approntate per l’emergenza e del conseguente aumento degli NPL. “Il riconoscimento e la gestione precoce del rischio di credito – afferma – sono essenziali per evitare un accumulo di crediti inesigibili, che amplificherebbe la profondità dello shock e ostacolerebbe la capacità delle banche di sostenere la ripresa economica“.

Il capo della vigilanza indica due priorità per le banche: monitorare la qualità del credito e prepararsi all’aumento degli NPL. “A questo proposito – sottolinea – la vigilanza si sta focalizzando su tre aspetti: catalogazione delle esposizioni e valutazione del rischio; analisi mirate sul rischio legato al Covid; strumenti per aiutare le squadre di vigilanza nelle loro analisi sulle banche caso per caso“.

Le banche – sostiene Enria – dovrebbero affrontare le “debolezze strutturali” che colpiscono la loro redditività, agendo sul fronte dei costi o sulla diversificazione dei ricavi, in un cointesto caratterizzato da bassi tassi di interesse. In questa situazione – afferma – il consolidamento del settore bancario “può essere un fattore importante per aiutare ad affrontare le sovraccapacità e la frammentazione del settore bancario, portando potenzialmente a sinergie e maggiore efficienza“.

Enria auspica un completamento dell’Unione bancaria “nel breve termine” ed afferma che “apporterebbe benefici a tutti i cittadini europei”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Banche, Enria: “Affrontare aumento NPL per non minare ripresa&#8...