Banche e finanziari sostengono Piazza Affari e le altre Borse europee

(Teleborsa) – Tutti positivi in chiusura i principali listini del Vecchio Continente, trainati dall’ottima performance delle banche e del comparto finanziario.

Ad innescare gli acquisti hanno contribuito le ultime dichiarazioni della Chairwoman della Federal Reserve, Janet Yellen, che ha confermato un’impostazione cauta sulle tempistiche di rialzo dei tassi di interesse in USA.

Di un certo aiuto anche l’avvio in verde di Wall Street, con gli investitori che attendono l’annuncio della riforma fiscale promessa da Trump e dai Repubblicani per migliorare l’economia a stelle e strisce.

Sul valutario sessione debole per l’Euro / Dollaro USA, che scambia con un calo dello 0,36%.

Tra le commodities, seduta in frazionale ribasso per l’oro, che lascia, per ora, sul parterre lo 0,53% mentre il petrolio (Light Sweet Crude Oil) si attesta a 51,86 dollari per barile. Da rilevare la discesa a sorpresa delle scorte di greggio statunitensi.

In discesa lo spread, che si porta a 168 punti base, con un lieve calo di 2 punti base, mentre il rendimento del BTP a 10 anni si attesta al 2,15%.
Oggi il collocamento di BOT semestrali ha visto scendere i rendimenti al minimo storico.

In focus il Bund tedesco, sotto pressione sui rumors secondo cui il Ministro delle Finanze della Germania, Wolfgang Schaeuble, lascerà l’incarico per assumere la presidenza del Bundestag.

Tra le principali Borse europee sostanzialmente tonica Francoforte, che registra una plusvalenza dello 0,41%. Guadagno moderato per Londra, che avanza dello 0,38%, e piccoli passi in avanti per Parigi, che segna un incremento marginale dello 0,25%.

Maglia rosa a Piazza Affari, con il FTSE MIB che ha terminato la giornata con un aumento dello 0,85%, a 22.622 punti; sulla stessa linea, in rialzo il FTSE Italia All-Share, che aumenta rispetto alla vigilia arrivando a 24.931 punti. In frazionale progresso il FTSE Italia Mid Cap (+0,53%), come il FTSE Italia Star (0,7%).

Il controvalore degli scambi nella seduta odierna a Piazza Affari è stato pari a 2,64 miliardi di euro, con un incremento di ben 438,2 milioni di euro, pari al 19,86%, rispetto ai precedenti 2,21 miliardi; mentre i volumi scambiati sono passati da 0,52 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 0,71 miliardi.

A fronte dei 225 titoli scambiati, sono giunte richieste di acquisto per 135 azioni. In lettera invece 79 titoli. Pressoché stabili le rimanenti 11 stock.

Tutte banche tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione: exploit di Banco BPM, che mostra un rialzo del 4,20%, seguita da UBI Banca (+3,93%).
 
Molto bene anche Yoox in una giornata a due velocità per li lusso. Moncler ha perso terreno a causa di una bocciatura degli analisti mentre Luxottica non ha registrato particolari variazioni dopo i rilievi della Commissione UE sulla fusione con Essilor.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Banca Farmafactoring (+4,85%), Saras (+2,52%), IREN (+2,50%) e Cementir (+2,49%).

I più forti ribassi, invece, si sono verificati su OVS, che ha archiviato la seduta a -3,55% all’indomani dell’annuncio di un collocamento accelerato da parte del Gruppo Coin.

Banche e finanziari sostengono Piazza Affari e le altre Borse eur...