Banche, dirigente Bankitalia Gobbi riafferma l’opportunità di nuove aggregazioni

(Teleborsa) – Bankitalia torna a parlare delle fusioni bancarie riaffermandone la necessità, per tutta una serie di ragioni legate alle trasformazioni in atto ed all’innovazione. 

Giorgio Gobbi, capo del servizio Stabilità finanziaria della Banca d’Italia, ha affermato che una nuova stagione di aggregazioni “prima comincia e meglio procede”. Poi, il dirigente di Palazzo Koch ha precisato che “saranno le singole banche che valuteranno i tempi e le convenienze” e che “non possono essere le autorità a dettare i tempi della struttura del mercato”.

Nuove fusioni eviteranno il rischio di nuovi fallimenti? Per Gobbi non c’è rischio per le banche più grandi per le quali “ci sono oggettivamente strumenti per affrontare le crisi”, mentre per “le più piccole è più difficile affrontarle” e va definita una normativa ad hoc.

Nel motivare l’opportunità di nuove fusioni, Gobbi ha spiegato: “le aggregazioni sono necessarie perché sta cambiando il mondo, cambia la tecnologia, perché ci sono economie di scala che in passato non c’erano. Perché c’è la necessità di ridurre il numero degli sportelli, perché c’è la rete dei servizi telematici, ci sono delle ragioni di per sé perché avvengano le aggregazioni”.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Banche, dirigente Bankitalia Gobbi riafferma l’opportunità di n...