Banche di nuovo sotto tiro a Milano. Le rassicurazioni del Tesoro non bastano

(Teleborsa) – Tornano le vendite sulle maggiori banche quotate a Piazza Affari.

Da giorni gli Istituti italiani sono sotto i riflettori per via degli sviluppi del faro acceso dalla Banca Centrale Europea sull’elevata mole di crediti deteriorati in seno alle banche italiane.

Faro che ha causato un vero e proprio panic selling in Borsa nonostante l’intervento del Governo, che giusto ieri ha trovato un accordo con la Commissione europea sulle garanzie di Stato sulle sofferenze, e le rassicurazioni del Ministero dell’Economia di ieri sera.

Il Tesoro ha definito “ampiamente ingiustificata” l’ondata di vendite che ha colpito i titoli degli istituti di credito italiani quotati in Borsa, spiegando che il sistema bancario italiano è solido.

Nonostante questo, stamane MPS, una delle banche ritenute più a rischio, sta cedendo il 3,73%, la Popolare Milano e la Banca Popolare dell’Emilia Romagna cedono invece oltre il 2% mentre UBI Banca e Mediobanca arretrano rispettivamente dell’1,21% e dello 0,93%.

Da rilevare che in questi giorni si discute anche sulla partita aggregazioni, che ha più volte fornito spunti rialzisti al settore. Ultimamente si è fatta largo l’ipotesi di una fusione tra Banco Popolare e Popolare di Milano.

Banche di nuovo sotto tiro a Milano. Le rassicurazioni del Tesoro non&...