Banche, Codacons studia azione risarcitoria per soci popolari

(Teleborsa) – Codacons sta studiando un’azione risarcitoria da avviare nel caso in cui la Corte Costituzionale dovesse bocciare le norme introdotte dalla Banca d’Italia che limitano il diritto al rimborso dei soci che esercitano il recesso. Lo annuncia la stessa associazione di consumatori che “dopo la decisione del Consiglio di Stato delle ultime ore, chiama a raccolta tutti i soci delle popolari danneggiati dalla riforma”.

“Tutti i soci delle banche popolari che hanno ricevuto rimborsi parziali delle proprie azioni potranno chiedere il risarcimento in tribunale – spiega il presidente Carlo Rienzi – e questo nel caso in cui la Consulta, come crediamo che avverrà, dichiarerà l’incostituzionalità di una norma che danneggia una pluralità di soggetti. Si tratta di numeri importanti: i soci di Ubi banca, ad esempio, hanno ricevuto solo 13 milioni di rimborso su 250; Banca Popolare di Vicenza ha negato il recesso per 1,7 milioni e cosi’ Veneto Banca (14,5 milioni); Banca Popolare di Bari e Popolare di Sondrio voteranno invece nei prossimi giorni sulla Spa”.

“Tutti i soci delle banche popolari che hanno visto finora negato o ridotto il proprio diritto a recesso – conclude il Codacons – possono fornire da oggi pre-adesione all’azione risarcitoria che il Codacons sta studiando, anche inviandoci una semplice mail”. 

Banche, Codacons studia azione risarcitoria per soci popolari
Banche, Codacons studia azione risarcitoria per soci popolari