Banche, Bruxelles ratifica l’intesa sui crediti deteriorati

(Teleborsa) – Via libera dell’UE all’accordo sulle sofferenze delle banche italiane ed ungheresi, poiché non comportano “aiuti di Stato”.

“La Commissione ha deciso che, nell’ambito dello schema di garanzia statale scelto dalla autorità italiane, lo Stato sarà remunerato in linea con le condizioni di mercato per il rischio assunto concedendo una garanzia sui prestiti cartolarizzati in sofferenza. In questo modo si formalizza l’accordo raggiunto dal Commissario Vestager e dal Ministro Padoan lo scorso 26 gennaio. Se uno Stato membro interviene come farebbe un investitore privato ed ottiene una remunerazione per il rischio assunto equivalente a quella che avrebbe accettato l’investitore privato, l’intervento non costituisce un aiuto di Stato”.

“Le decisioni di oggi dimostrano che la normativa dell’Ue mette a disposizione degli Stati membri vari strumenti per avviare il risanamento dei bilanci delle banche, con o senza il ricorso agli aiuti di Stato. La Commissione – ha commentato la Vestager – in questo contesto si limita a garantire che le misure scelte dai governi nazionali non producano un eccessivo aggravio sulla spesa pubblica o una distorsione della concorrenza nell’UE”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Banche, Bruxelles ratifica l’intesa sui crediti deteriorati