Banca MPS, per il Gup di Milano anche la banca ebbe delle responsabilità nello scandalo

(Teleborsa) – La colpa dello scandalo di Banca Montepaschi non è solo degli ex vertici, ma anche dell’Istituto senese, che non fu in grado di predisporre “un adeguato modello organizzativo idoneo ad impedire” i reati contestati al management fra il 2008 ed il 2012: falso in bilancio, aggiotaggio, ostacolo all’autorità di vigilanza (Consob e Bankitalia) e falso in prospetto

A rivelarlo è il Gup di Milano, Livio Cristofano, con la sentenza con cui accoglie il patteggiamento chiesto dall’istituto di credito senese, che prevede 600 mila euro di sanzione e la confisca di 10 milioni di euro quale “profitto del reato” commesso.

Secondo il giudice, gli ex dirigenti – fra cui l’ex presidente Giuseppe Mussari, l’ex direttore generale Antonio Vigni e l’ex responsabile area finanza Gianluca Baldassarri- “determinavano un vantaggio per l’ente, consistito nella esposizione di una situazione contabile, finanziaria e patrimoniale difforme dalla realtà, dissimulando perdite derivanti dalla natura delle operazioni compiute” e “nel rappresentare in modo distorto e fuorviante al mercato (e agli organi di vigilanza) le informazioni rilevanti per una corretta valutazione degli strumenti finanziari emessi”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Banca MPS, per il Gup di Milano anche la banca ebbe delle responsabili...