Banca Etruria, Vegas (Consob) conferma: “Parlai con ministro Boschi. Era preoccupata”

(Teleborsa) – Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Maria Elena Boschi, era preoccupata per i problemi di Banca Etruria e chiese lei stessa un colloquio alla Consob. Lo ha confermato alla commissione d’inchiesta sulle banche il numero uno dell’authority che controlla i mercati, Giuseppe Vegas.

“Ho avuto modo di parlare della questione (Banca Etruria) con l’allora ministro Boschi”, ha affermato Vegas, aggiungendo che fu proprio lei a chiedere un colloquio e ad andare in Consob.

Poi, Vegas ha aggiunto che la Boschi in quell’occasione espresse “un quadro di preoccupazione perché a suo avviso c’era la possibilità che Etruria venisse incorporata dalla Popolare di Vicenza e questo era di nocumento per la principale industria di Arezzo che è l’oro”.

Le vicende esposte fanno riferimento al 2014, periodo in cui le banche poi fallite – Banca Etruria e Veneto Banca – cercavano di finalizzare un deal con BPVi per essere risanate, dopo esser finite nel mirino della vigilanza di Bankitalia che aveva ispezionato i due istituti nel corso del 2013.

“Io le risposi che Consob non era competente sulle scelte di aggregazione delle banche” e che “non potevano fare nulla”, ha precisato il numero uno di Consob.

Vegas ha poi parlato di un secondo incontro con la Boschi da cui venne a sapere che il padre sarebbe diventato vicepresidente dell’Istituto. Non sono chiari però i riferimenti temporali delle due vicende, anche rispetto alla nomina del ministro Boschi alle Riforme avvenuta il 21 febbraio 2014.

Delle vicende di BPVi con Etruria ha già riferito ieri Gianni Zonin, allora a capo della Pop Vicenza. 

Banca Etruria, Vegas (Consob) conferma: “Parlai con ministro Boschi. Era preoccupata”
Banca Etruria, Vegas (Consob) conferma: “Parlai con ministro Bos...