Banca manda centinaia di estratti conto alle persone sbagliate: scattano le denunce, il caso

Ad alcuni clienti sono giunti addirittura una cinquantina di estratti conti trimestrali di altri correntisti

Crédit Agricole, uno dei più grossi istituti bancari cooperativi europei e che in Italia conta più di 10mila dipendenti e oltre 2 milioni di clienti, ha inviato centinaia di estratti conto alle persone sbagliate.

L’errore ha provocato parecchi malumori a chi è rimasto coinvolto nella vicenda tanto che alcune vittime del caso sono ora sul piede di guerra, pronte a muovere battaglia legale.

Tra i malaugurati protagonisti dell’accaduto figurano sia uomini d’affari sia semplici cittadini, i quali hanno visto i loro saldi finire sotto gli occhi di diversi estranei.

Poco dopo il verificarsi della falla, alcuni clienti hanno subito avvisato la banca di fiducia che ha subito spedito una mail a tutti i suoi correntisti, informandoli di quanto capitato e invitando tutti coloro che sono rimasti invischiati nella vicenda a eliminare i dati ricevuti. L’istituto, inoltre, ha sporto le sue scuse, rendendo noto che l’errore ha avuto origine da un problema informatico.

Tuttavia, il mea culpa di Crédit Agricole quasi certamente non basterà. Alcuni correntisti non si accontenteranno di un “Ci dispiace”, seppur onesto. Infatti, a breve avvieranno le procedure legali intentando delle cause risarcitorie che potrebbero risultare molto salate per la banca.

A mettere ulteriore apprensione all’istituto di credito c’è pure il nuovo decreto legislativo relativo alla protezione dei dati personali. Nella fattispecie, di recente, sono state inasprite le misure inerenti alla mancata salvaguardia della privacy sui dati degli utenti. Naturalmente, per la banca, ci sarà da risolvere anche la grana che scaturisce dalle norme che regolano il segreto bancario.

Diversi avvocati sono già al lavoro dopo essere stati contatti da alcuni clienti colpiti, che vogliono andare fino in fondo alla questione per ottenere un risarcimento. Ci sono casi allarmanti come quelli che hanno visto delle persone ricevere via Pec estratti conti trimestrali di una cinquantina di cittadini e imprenditori a loro estranei.

Per capire le reali conseguenze dei risvolti processuali che assumerà la vicenda c’è da attendere. Si è solo all’inizio. Al di là della questione giudiziaria, che farà il suo corso, l’accaduto solleva anche un’altra tematica; una tematica su cui si continua a discutere e che riguarda il futuro di tutte le persone: si arriverà mai a una totale ‘sicurezza’ digitale?

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Banca manda centinaia di estratti conto alle persone sbagliate: scatta...