Azzolina “promuove” scuola e genitori: lavoro straordinario in questi mesi

(Teleborsa) – Una prova durissima per il mondo della Scuola che ha tuttavia saputo rispondere all’improvvisa pandemia esplosa nel nostro Paese. “In questa giornata il mio ringraziamento più sentito va a tutti i genitori che in questi mesi di emergenza hanno seguito i loro figli nella didattica a distanza, che hanno fatto un lavoro straordinario a supporto della scuola. La comunità scolastica è questo: fare ciascuno la propria parte, dare man forte affinché il sistema possa funzionare. Grazie all‘impegno di tutti la scuola non si è fermata. E tornerà più forte di prima, a settembre, quando i ragazzi potranno tornare nelle aule, con i loro insegnanti”. Lo scrive su Facebook la Ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina precisando che si sta lavorando “consapevoli delle difficoltà, ma certi che tutti uniti ce la faremo”.

Obiettivo guardare al prossimo futuro. “Mi piacerebbe avere, e sto lavorando per avere, tutti i docenti in cattedra a settembre”, ha detto Azzolina in un colloquio con il Sole24Ore in cui affronta il nodo supplenze. Con lo slittamento all’autunno del concorso straordinario da 32mila posti che era previsto per luglio, le supplenze rischiano di schizzare verso l’alto, ma – precisa – “non sono 200 mila”. I numeri saranno analoghi, se non più bassi, rispetto a quelli dell’anno scorso, quando sono stati firmati 190.195 contratti a tempo determinato.

Per fronteggiare la richiesta di supplenze ci sarà la “call veloce”, che “ci permetterà di distribuire a livello nazionale le immissioni in ruolo rimaste vacanti”, chiarisce la Ministra. In pratica, spiega, i precari (abilitati) iscritti alle graduatorie a esaurimento e i vincitori dei precedenti concorsi potranno fare domanda in un’altra regione e accedere a una cattedra altrimenti destinata a restare deserta.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Azzolina “promuove” scuola e genitori: lavoro straordinari...