Azionario europeo in rosso. Giù anche Piazza Affari

Piazza Affari in frazionale calo assieme alle altre principali Borse europee, sopra i minimi intraday grazie anche all’andamento cauto dei future USA. 

A deprimere gli investitori stamane i dati deludenti sull’economia cinese, che fanno temere un rallentamento globale, e la produzione industriale della zona euro in flessione.
La deflazione intanto conquista la Spagna, marcando il terreno anche in Italia.

Tra le variabili macroeconomiche di maggior peso, negli Stati Uniti sarà annunciato il dato sulle vendite al dettaglio che, secondo gli analisti, sarà in aumento dello 0,2%.

L’Euro / Dollaro USA mostra un timido guadagno, con un progresso dello 0,24%.

Sui livelli della vigilia lo Spread, che si mantiene a 108 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,63%.

Tra i listini europei, soffre Francoforte, che evidenzia una perdita dello 0,84%, fiacca Londra in calo dello 0,67% mentre Parigi lascia lo 0,56%.

Sessione debole per il listino milanese, che scambia con un calo dello 0,69% sul FTSE MIB, proseguendo la serie di tre ribassi consecutivi, iniziata lunedì scorso.

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, performance modesta per Cnh Industrial, che mostra un moderato rialzo dello 0,71%.

Resistente Enel Green Power, che segna un piccolo aumento dello 0,63%.

In deciso calo i titoli del lusso, con Moncler in discesa del 3,88%.

Sessione nera per Buzzi Unicem, che mostra una perdita del 2,44%.

In caduta libera YOOX NET-A-PORTER, che affonda del 2,09%.

Giù STMicroelectronics, -1,45% sull’outlook deludente di Intel e Asml.

Torna ai box FCA -1,15%: ieri il premier, Matteo Renzi, ha assicurato che la Ferrari sarà quotata anche a Milano.

Ingessata Pirelli +0,20%: la Marco Polo Holding, holding controllata da Chemchina, è salita all’87% circa del capitale.

Calme Italcementi e WDF: a partire dal 15 ottobre la prima sostituirà la seconda nel FTSE Mib.

Azionario europeo in rosso. Giù anche Piazza Affari