Autostrade, sindacati: sciopero nazionale il 13 e 14 ottobre

I sindacati di categoria dichiarano una nuova due giorni di sciopero degli addetti ai caselli. Al centro della diatriba il rinnovo del contratto

Tornano a incrociare le braccia gli operatori dei caselli della rete autostradale italiana. La notizia arriva dalle sigle sindacali, che hanno dichiarato la rottura della trattativa per il rinnovo del contratto nazionale scaduto ormai da 9 mesi”.

Si tratta del terzo sciopero nel giro di pochi mesi: già ad agosto, infatti, gli operatori autostradali avevano dichiarato due giornate di agitazione, sempre a causa del mancato rinnovo del contratto nazionale. La nuova tornata di scioperi, fanno sapere Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Sla Cisal e Ugl per il settore delle autostrade ci sarà il 13 e 14 ottobre, con modalità e orari ancora da comunicare.

“L’interruzione della trattativa – riferiscono le organizzazioni sindacali – si è avuta sul tema della ‘clausola sociale’ a tutela dell’occupazione, argomento per noi basilare. Su questo tema dopo un’apprezzabile apertura delle controparti, arrivata fino al raggiungimento di un testo condiviso soddisfacente per entrambe le parti, una delle associazioni datoriali ha espressamente dichiarato, con un atteggiamento incomprensibile, la volontà di ritirare la propria disponibilità a concordare la clausola sociale, determinando l’inevitabile rottura delle trattative”.

Secondo Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Sla Cisal e Ugl, “la clausola sociale rappresenta un fattore indispensabile e fondamentale per dare garanzia e tutela a tutti i dipendenti del settore, al fine di garantire la continuità occupazionale, l’applicazione del Ccnl di settore, il mantenimento di tutti i trattamenti economici e normativi, in un momento di grande cambiamento che investe l’intero arco delle concessioni autostradali”.

Le organizzazioni sindacali si dicono preoccupate per la piega che il settore sta prendendo. L’incertezza sul futuro delle concessioni regna sovrana e la minaccia di revoca di concessioni in essere (quella di Atlantia, in particolare) non fa altro che peggiorare la situazione. “Siamo infatti di fronte – spiegano le organizzazioni sindacali – a concessioni già scadute, che coinvolgono quasi 4 mila addetti, un quarto del totale del complessivo del settore ed a probabili ulteriori riorganizzazioni delle concessioni autostradali a partire dalla ventilata revoca di Autostrade per l’Italia. Questa situazione ci impone l’obbligo di fissare soluzioni che evitino ai lavoratori di subire conseguenze derivanti dall’assenza di regole e dalle scelte scellerate perpetrate da altri”.

Le associazioni datoriali – denunciano infine Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Sla Cisal e Ugl – “continuano ad avere un atteggiamento inaccettabile che indica una deriva del sistema di tenuta della rappresentanza, mettendo in discussione l’affidabilità di coloro che hanno tratto vantaggio da un sistema protetto e che oggi non ne vogliano tenere conto, assumendosi responsabilità nei confronti delle proprie maestranze”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Autostrade, sindacati: sciopero nazionale il 13 e 14 ottobre