Auto, immatricolazioni ancora in frenata in Europa

(Teleborsa) – Il mercato dell’auto segna ancora una perdita in Europa nel mese di novembre: le vendite di autoveicoli sono scese del 12% dopo il calo del 7,8% registrato a ottobre.

Lo comunica l’Acea, l’associazione dei costruttori europei, sottolineando che il mese scorso le immatricolazioni sono state solo 897.692 in tutta l’UE. Un calo – spiega l’associazione – legato alle nuove misure decise dai governi europei per contrastare la seconda ondata di contagi da coronavirus.

Andamento negativo per tutti e quattro i mercati principali dell’UE: con Francia e Spagna che registrano un calo a doppia cifra, rispettivamente a -27% e -18,7%. Seguono Italia (-8,3%) e Germania (-3%).

Nel periodo cumulato gennaio-novembre il mercato dell’auto europeo si è contratto del 25,5% a circa 9 milioni unità, in diminuzione di oltre 3 milioni rispetto allo stesso periodo del 2019. Nei primi 11 mesi l’impatto del coronavirus è stato pesante per tutti i paesi UE, compresi i quattro mercati maggiori: la Spagna ha registrato il calo più significativo (-35,3%), seguita da Italia (-29%), Francia (-26,9%) e Germania (-21,6%).

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Auto, immatricolazioni ancora in frenata in Europa