Auto europee in retromarcia a dicembre. Ma il 2017 si chiude con il segno più

(Teleborsa) – Il mercato dell’auto europeo ingrana la retromarcia a dicembre dopo la risalita del mese precedente

Secondo gli ultimi dati dell’Associazione europea dei produttori di auto (ACEA), nel periodo in esame le immatricolazioni nella UE (EU 28) sono scese del 4,9% su base annua attestandosi a 1.088.498 unità, mentre nell’EFTA, l’Associazione europea del libero scambio (Svizzera, Islanda e Norvegia) sono calate del 3,2%. Nell’ambito della sola Eurozona (EU 15) le vendite sono diminuite invece del 5,4% a 980.088 unità.

Il 2017 si chiude comunque con il segno più: la variazione cumulata da inizio anno per i 28 Paesi Membri segna un +3,4% (oltre 15 milioni), mentre includendo l’area EFTA si attesta a +0,7%.

A dicembre il mercato dell’auto tricolore ha fatto segnare un calo del 3,2% (+7,9% nell’intero anno) mentre tiene quello spagnolo che cresce del 6,2% (+7,7% nel 2017). Tra gli altri principali mercati, andamento piatto in Francia (-0,5%) che però chiude l’anno con un +4,7%. In discesa la Germania (-1% a dicembre ma +2,7% sui dodici mesi), male il Regno Unito che indossa la maglia nera con una variazione negativa sia sul mese di dicembre (-14,4%) che sul periodo cumulato (-5,7%).

Per quanto concerne i singoli marchiFiat Chrysler Automobiles (FCA) scende del 16,2% nel complesso dell’Unione Europea, con una quota di mercato che si porta al 5,6% dal 6,3% del dicembre 2017. Il 2017 si chiude comunque con un bilancio positivo: il Gruppo italo americano ha riportato infatti un incremento delle vendite del 4,9% e un lieve aumento della quota di mercato del 6,8% rispetto al 6,7% dell’anno precedente.

Il Gruppo Volkswagen chiude il mese con un decremento delle immatricolazioni del 4% ma un aumento della sua quota al 23,3% dal 23,1% di dicembre 2016. Sui dodici mesi ha riportato invece un aumento delle vendite del 2,3%.

Fra i marchi più popolari in Europa la Peugeot segna un +61% circa dopo l’incorporazione di Opel (non inclusa nei dati 2016) (+28,2% nel 2017) con una quota al 15,4% dal 9,1%, mentre la connazionale Renault segna un -4,5% con una quota in salita al 13,3% dal 12,9%. L’intero anno si chiude invece con un aumento delle vendite del 6,7%.
Le tedesche Daimler e BMW fanno rispettivamente -9,4% e +4,9% a dicembre, mentre sui dodici mesi la variazione è del 4,8% e del +0,9%.

Auto europee in retromarcia a dicembre. Ma il 2017 si chiude con il se...