Auto, boom di vendite in Europa nonostante il Dieselgate. Bene FCA, traballa Volkswagen

(Teleborsa) – Il settore dell’auto europeo chiude l’anno in bellezza, a conferma del progressivo miglioramento dell’economia dopo la lunga e profonda crisi strutturale vissuta in questi ultimi tre anni.

Nel mese di dicembre, fa sapere l’Associazione europea dei produttori di auto (ACEA), le immatricolazioni nella UE (EU 28 + EFTA, l’Associazione europea del libero scambio) hanno segnato un balzo del 15,9% a 1.156.489 unità, stesso aumento percentuale mostrato nell’ambito della sola Eurozona, dove le vendite sono salite a 1.016.729 unità

Tutti in forte miglioramento i cinque principali mercati: a far da traino sono Spagna (+20,7%), Italia (+18,7%) e Francia (+12,5%). Seguono Regno Unito (+8,4%) e Germania (+7,7%).

Il 2015 si chiude invece con un aumento delle immatricolazioni del 9,2% a 14,202 milioni di unità.

Per quanto concerne i singoli marchi, Fiat Chrysler Automobiles (FCA), ha riportato nel complesso dell’Unione europea un incremento delle vendite del 19,4%, mentre la quota di mercato è salita al 5,7% dal 5,6% precedente.

L’intero anno si è chiuso invece con un aumento del 14,1% a 856.492 unità e una quota di mercato salita dal 6 al 6,2%.

In ripresa il Gruppo Volkswagen, che segna un aumento delle immatricolazioni del 4,7%, anche se con una quota in mercato in costante calo, a conferma del danno di immagine causato dal Dieselgate.

Nel 2015, invece, le immatricolazioni sono salite del 6,1% a 3,37 milioni di unità, con una quota di mercato in calo al 24,6% rispetto al 25,4% dell’anno precedente. E’ la prima volta dal 2007 che il colosso tedesco vede assottigliarsi la quota di mercato.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Auto, boom di vendite in Europa nonostante il Dieselgate. Bene FCA, tr...