Australia, tassi al nuovo minimo storico, la banca centrale taglia a sorpresa

(Teleborsa) – Per la prima volta quest’anno, la banca centrale australiana ha tagliato i tassi di interesse. La Reserve Bank of Australia ha ridotto il costo del denaro, di un quarto di punto, portando il tasso di riferimento all’1,75%, nuovo minimo storico, dal 2% precedente.

La mossa della banca, la prima targata 2016, è stata presa dall’istituto guidato da Glenn Stevens per combattere il basso livello dell’inflazione e il forte apprezzamento della valuta locale. Le attese degli economisti per la prima volta divisi sulla decisione di politica monetaria, propendevano per una conferma dei tassi al 2%. Secondo gli addetti ai lavori, l’attuale taglio del costo del denaro non resterà un episodio isolato, ma sarà seguito da nuove riduzioni. 

Il governatore dell’istituto centrale, ha detto che il board ha considerato appropriato un nuovo taglio dopo aver ricevuto indicazioni che mostrano “pressioni inflazionistiche inferiori alle attese”.

Immediata la reazione del dollaro australiano che ha perso circa un punto percentuale nei confronti del dollaro a quota 75,84 cents. Reazione negativa anche della borsa di Sidney che ceduto in chiusura oltre 2 punti percentuali.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Australia, tassi al nuovo minimo storico, la banca centrale taglia a s...