Australia, sorpresa positiva dalle vendite al dettaglio

(Teleborsa) – Segnali di recupero arrivano dai consumatori australiani. Le vendite al dettaglio hanno registrato una crescita, nel mese di maggio, grazie soprattutto all’aumento delle vendite nei grandi magazzini e, nonostante l’elevato debito delle famiglie e la lenta crescita dei salari continui a frenare i consumi. 

Secondo quanto rilevato dall’Ufficio nazionale di statistica, le vendite sono salite dello 0,4% come il mese di aprile e più di quanto stimato dagli analisti, che avevano previsto un aumento dello 0,3%. 

Nei grandi magazzini, le vendite hanno registrato un incremento del 3,9%.  

Nonostante il buon dato di maggio, le prospettive non sono proprio rosee. I prezzi delle case sono in calo e il recente rallentamento della crescita dell’occupazione potrebbe vedere la spesa dei consumatori rallentare, nella seconda metà dell’anno, frenando la crescita economica.

La banca centrale australiana, nella sua riunione di politica monetaria, tenutasi proprio questa settimana, ha mantenuto invariato il costo del denaro, al minimo storico dell’1,5%. I tassi di interesse sono rimasti così bassi, da metà 2016, e il consenso sui mercati prevede che la politica rimanga invariata fino alla metà del 2019.

Australia, sorpresa positiva dalle vendite al dettaglio