Australia, nuovo minimo storico dei tassi, la banca centrale taglia ancora

(Teleborsa) – La banca centrale australiana ha ritoccato all’ingiù il costo del denaro dello 0,25% all’1,50% dall’attuale 1,75%. La decisione era attesa dagli analisti. 
 
Il primo taglio dei tassi targato 2016, è avvenuto lo scorso maggio, deciso dal governatore Glenn Stevens per combattere il basso livello dell’inflazione e un mercato del lavoro in peggioramento.

Dall’Ufficio nazionale di statistica, intanto, giungono segnali poco incoraggianti. La bilancia commerciale dell’Australia ha evidenziato a giugno un deficit di 3,2 miliardi di dollari australiani, in peggioramento rispetto al disavanzo di 2,42 miliardi di maggio. Delusi gli analisti che si aspettavano un deficit commerciale in calo fino a 2 miliardi di dollari australiani. Nel dettaglio, le esportazioni sono scese dell’1%, mentre le importazioni sono salite del 2%.

Australia, nuovo minimo storico dei tassi, la banca centrale taglia&nb...