Australia, banche straniere aumentano presenza su mercato credito

(Teleborsa) – I quattro grandi istituti di credito australiani hanno dominato a lungo il settore bancario del Paese. Ma mentre lottano per ricostruire la loro reputazione, dopo un’inchiesta della Commissione reale che ha denunciato una diffusa condotta scorretta, sono costretti a fare i conti con la minaccia dei rivali stranieri.

Secondo il Financial Times, HSBC, che è tradizionalmente considerata in Australia come una banca per espatriati, è uno dei numerosi rivali oltreoceano che investono e guadagnano quote tra i locali in uno dei mercati bancari più redditizi del mondo. A seguito di un’aggressiva spinta verso il retail banking, l’istituto quotato nel Regno Unito ha ampliato il suo portafoglio ipotecario del 37% a 17,9 miliardi di dollari nell’anno fino alla fine di aprile.

Questo avviene mentre le quattro grandi banche australiane – Commonwealth Bank of Australia, National Australia Bank, ANZ Bank e Westpac – stanno faticando a crescere o addirittura si stanno riducendo.

Anche la banca olandese ING Bank ha stabilito un punto d’appoggio nello Stato e ha accumulato mutui per un valore di 50 miliardi di dollari, mentre il ramo di consumatori della banca statunitense Citi ha accumulato attività per 14 miliardi da quando è diventata una delle prime banche straniere ad ottenere una licenza bancaria nella metà degli anni 1980. Rabobank ha un patrimonio di 22,1 miliardi dollari principalmente legato alla sua forza nel finanziamento agricolo.

La Royal Commission, che ha lavorato per un anno nel settore dei servizi finanziari, ha denunciato avidità, disonestà e cattiva condotta nel csistema bancario australiano, in un rapporto bruciante pubblicato a febbraio. Le banche straniere in Australia hanno ancora una piccola parte del mercato rispetto ai quattro grandi istituti di credito domestici, ciascuno con un bilancio di oltre 800 miliardi di dollari. Ma gli sfidanti stranieri stanno rapidamente accrescendo le loro quote di mercato. Le istituzioni d’oltremare ora controllano il 14% del mercato bancario, rispetto a poco meno del 12% di cinque anni fa, secondo i dati del regolatore australiano.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Australia, banche straniere aumentano presenza su mercato credito