Attacco hacker alla SIAE, chiesto riscatto

(Teleborsa) – Dopo essere stata vittima di phishing poche settimane fa, la SIAE, società italiana autori ed editori è stata colpita da un ransomware, un attacco hacker da parte del gruppo Everest.

Sottratti 60 Gigabyte di dati di artisti, tra cui dati sensibili come patenti, tessere sanitarie, carte di identità e indirizzi. Di questi, una parte (28 mila documenti) sono stati “esfiltrati” e pubblicati per essere messi in vendita sul dark web. Chiesto un riscatto per evitarne la pubblicazione che sarebbe di tre milioni di euro in bitcoin.

La Polizia postale indaga sul caso, attraverso il compartimento di Roma del Cnaipic (Centro nazionale anticrimine informatico per la protezione delle infrastrutture critiche).

“La Siae non darà seguito alla richiesta di riscatto”, dice all’Ansa il dg Gaetano Blandini, che sottolinea: “Abbiamo già provveduto a fare la denuncia alla polizia postale e al garante della privacy come da prassi.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Attacco hacker alla SIAE, chiesto riscatto