ASTM, ricavi in calo nel 1° trimestre. Via libera CIPE ad Asti-Cuneo

(Teleborsa) – I Gruppo ASTM, attivo nelle concessioni autostradali e nelle infrastrutture, chiude il 1° trimestre con risultati che scontano gli effetti della crisi da coronavirus.

Nel settore concessioni, la società ha riportato in Italia un calo del traffico autostradale del 5,15% (in ripresa nella prima settimana di Fase 2) e ricavi pari a 234,2 milioni (-6,82%). Gli investimenti sulla rete risultano in crescita del 43%. Per il Brasile si evidenzia un traffico in crescita del 6,6% lungo la rete autostradale.

Nel settore infrastrutturale (EPC), dove opera tramite il Gruppo Itinera, riporta un valore della produzione in crescita del 20,3% a 253,16 milioni ed un portafoglio lavori di 4,3 miliardi, di cui circa il 60% all’estero.

L’indebitamento finanziario netto al 31 marzo 2020 risulta pari a 1.422 milioni di euro (1.352,2 milioni di euro al 31 dicembre 2019) anche per effetto del significativo programma di investimenti autostradali effettuati.

Frattanto la società ha annunciato che il CIPE oggi ha approvato l’aggiornamento della concessione e del relativo Piano economico-finanziario (PEF) delle società SATAP Tronco A4 Torino-Milano e Asti-Cuneo, legate tra loro da una operazione di finanziamento incrociato (cosiddetto cross-financing) finalizzato al completamento dei lavori di costruzione dell’autostrada A33 Asti-Cuneo. Sulla base dei nuovi Piani saranno posti a carico di SATAP A4 investimenti totali per un valore di circa 740 milioni di euro, di cui circa 630 milioni relativi al riequilibrio e al completamento dell’Asti-Cuneo.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

ASTM, ricavi in calo nel 1° trimestre. Via libera CIPE ad Asti-Cuneo