Astaldi, l’assemblea approva il bilancio 2017. Nominato il nuovo Collegio Sindacale

(Teleborsa) – Oggi, 27 aprile 2018, si è tenuta l’Assemblea degli azionisti di Astaldi, che ha approvato il Bilancio al 31 dicembre 2017, nominato il nuovo Collegio Sindacale per gli esercizi 2018/2020, rinnovato l’autorizzazione all’acquisto e vendita di azioni proprie, e approvato la Relazione sulla Remunerazione.

I risultati del Gruppo Astaldi al 31 dicembre 2017 scontano gli effetti di una valutazione prudenziale e cautelativa dell’esposizione complessiva nei confronti del Venezuela. Al di là di queste componenti di natura straordinaria, i conti del 2017 registrano una dinamica che riflette il forte impegno che il Gruppo ha profuso per le attività produttive e commerciali e la rilevante attività eseguita per l’implementazione della strategia finanziaria. In dettaglio, i ricavi totali al 31 dicembre 2017 del Gruppo Astaldi sono pari a circa 3,1 miliardi, in crescita di circa il 2%, rispetto ai 3 miliardi del 2016, grazie, tra l’altro, ai positivi benefici della diversificazione nel comparto Operation & Maintenance.
Il Gruppo ha chiuso il periodo con una perdita netta pari a 101,2 milioni di euro.

L’Assemblea Ordinaria ha, altresì, nominato il nuovo Collegio Sindacale per il triennio 2018-2020, determinandone i relativi compensi. I nuovi sindaci sono stati eletti sulla base dell’unica lista presentata dal socio di maggioranza Fin.Ast. S.r.l., titolare del 40,239% del capitale sociale. La lista di maggioranza ha ottenuto il 100% dei voti presenti. 
Il nuovo Collegio Sindacale, che rimarrà in carica fino all’Assemblea che sarà chiamata ad approvare il bilancio al 31 dicembre 2020, risulta così composto: – Giovanni Fiori, Anna Rosa Adiutori e Lelio Fornabaio (espressi dalla lista di maggioranza), quali Sindaci Effettivi. Giovanni Fiori è stato, altresì, nominato Presidente del Collegio Sindacale; – Giulia De Martino, Francesco Follina e Gregorio Antonio Greco (tratti dalla lista di maggioranza), quali Sindaci Supplenti.

L’Assemblea ha poi approvato di rinnovare per ulteriori 12 mesi (a far data dal 29 maggio 2018) l’autorizzazione al Consiglio di Amministrazione ad acquistare azioni ordinarie della Società, a un prezzo unitario non inferiore a 2,00 euro e non superiore a quello medio degli ultimi 10 giorni di Borsa aperta antecedenti il giorno dell’acquisto, aumentato del 10%. Tale autorizzazione all’acquisto è limitata a un massimale rotativo di 9.842.490 azioni del valore nominale pari a 2,00 ciascuna, con l’ulteriore vincolo che l’ammontare delle azioni proprie in portafoglio non dovrà eccedere, in alcun momento, il controvalore totale di 24.600.000,00. L’autorizzazione risponde alla finalità di favorire il regolare andamento delle negoziazioni e garantire adeguato sostegno della liquidità del mercato, nonché di mantenere il c.d. “magazzino titoli”.

Astaldi, l’assemblea approva il bilancio 2017. Nominato il nuovo...