ASPI, utile di 498 milioni di euro nei primi 9 mesi 2021

(Teleborsa) – Autostrade per l’Italia (ASPI), ha registrato ricavi operativi pari a 2.823 milioni di euro nei primi nove mesi 2021, in aumento del 23% rispetto allo stesso periodo del 2020. I ricavi da pedaggio sono stati pari a 2.540 milioni di euro, in aumento di 416 milioni di euro per il miglioramento del traffico sulla rete, che è aumentato del 18,5% rispetto ai primi nove mesi 2020. I livelli di traffico dei primi nove mesi sono ancora inferiori rispetto ai livelli pre-pandemia del 2019 (-13%), ma nel terzo trimestre c’è stato un incremento del 2% grazie al turismo estivo.

L’EBITDA è stato positivo per 1.506 milioni di euro, in aumento di 1.015 milioni di euro rispetto ai primi nove mesi 2020 (491 milioni di euro). L’utile del periodo di pertinenza del gruppo è stato di 498 milioni di euro, rispetto alla perdita di 292 milioni di euro dei primi nove mesi del 2020.

Gli investimenti operativi sono stati di 567 milioni di euro (345 milioni di euro nei primi nove mesi del 2020), il Cash Flow Operativo di 595 milioni di euro (540 milioni di euro nei primi nove mesi del 2020) e l’Indebitamento finanziario netto del gruppo al 30 settembre 2021 è di 8.349 milioni di euro, in diminuzione di 208 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2020.

Escludendo ulteriori misure restrittive alla mobilità, per Autostrade per l’Italia è ragionevole prevedere una contrazione del traffico complessivo per l’anno 2021 di circa il -10% rispetto ai volumi pre-pandemia dell’esercizio 2019 e allo stesso tempo un miglioramento di circa il 23% rispetto ai livelli del 2020. Sulla base di tali ipotesi di traffico, la società prevede che i ricavi netti da pedaggio per il 2021 si attestino a circa 2,8 miliardi di euro.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

ASPI, utile di 498 milioni di euro nei primi 9 mesi 2021