ASPI e scuola Sant’Anna rinnovano sinergie per un nuovo modello di compliance

(Teleborsa) – Autostrade per l’Italia rafforza la collaborazione con DIRPOLIS, l’Istituto Diritto, Politica, Sviluppo della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, che si è già tradotta in percorsi formativi indirizzati a oltre 500 dipendenti ASPI, con l’iniziativa “Legality & performance, a perfect match”. L’occasione ha offerto interessanti spunti sulla collaborazione fra azienda e accademia, entrambe impegnate sul tema dell’impresa sostenibile, in grado di coniugare esigenze di legalità e ottimizzazione delle performance aziendali.

“Questo convegno è stata una formidabile occasione di discussione su un tema particolarmente importante per la comunità di ricerca della Scuola Sant’Anna: come orientare le nuove tecnologie della cosiddetta ‘quarta rivoluzione’ (intelligenza artificiale, macchine intelligenti, algoritmi) nella prospettiva della sostenibilità sociale e legale dell’attività di impresa”, ha affermato afferma Sabina Nuti, Rettrice della Scuola Sant’Anna, aggiungendo “dal convegno traiamo la conferma non soltanto che la transizione digitale in molte esperienze imprenditoriali è già una realtà operativa ma anche che è forte la spinta ad investire in ricerca e sviluppo su questi nuovi scenari”.

“Nell’ambito del Piano di Trasformazione di Autostrade per l’Italia trova largo spazio Next to Legality, un innovativo programma che riflette l’attenzione dell’azienda alla cultura della legalità”, spiega l’Amministratore delegato di Aspi Roberto Tomasi , sottolineando che questo piano punta a “potenziare il sistema di controllo interno e a promuovere il monitoraggio continuo dei rischi”.

Tomasi ha ricordato che la scuola Sant’Anna di Pisa è partner strategico nella convinzione che “l’attivazione di sinergie impresa-università, sia azione imprescindibile per affrontare un futuro davvero sostenibile”.

Per Gaetana Morgante, Direttrice dell’Istituto DIRPOLIS della Scuola Sant’Anna, dall’incontro sono “emerse molte prospettive, su cui la Scuola e la comunità di ricerca dell’Istituto DIRPOLIS sono da tempo impegnati. Le imprese progressivamente integrano gli strumenti del new tech nell’organizzazione aziendale, pensiamo ad esempio alla funzione compliance, dove sempre più ci si avvale di sistemi “intelligenti” e autonomi di elaborazione di dati e informazioni”.

Autostrade ha messo in campo un innovativo programma nell’ambito del Risk, Compliance, Business Continuity and Quality, area guidata da Nicola Allocca, che è anche chair del Comitato Anti-Corruzione business dell’Ocse. Un programma che riflette l’attenzione dell’azienda alla cultura della legalità e che è volto ad implementare soluzioni innovative, basate su tecnologie “intelligenti” e ispirate alle linee guida, agli strumenti e agli standard di monitoraggio OCSE, B20 e G20.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

ASPI e scuola Sant’Anna rinnovano sinergie per un nuovo modello ...