Arte e tecnologia, Christian Greco: “Serve a conoscere il passato per capire il futuro”

(Teleborsa) – Conoscere il passato per progettare il futuro ed usare la tecnologia per scoprire sempre di più il passato e preservare quello che è stato tramandato dal tempo. Lo ha raccontato a Teleborsa Christian Greco, Direttore del Museo Egizio di Torino, che ha parlato delle ruolo dell’innovazione nel conservare e proteggere le opere d’arte.

FPT Tech Day quest’anno ci ha portato dagli splendori dell’antico Egitto al futuro della mobilità. Qual è il filo conduttore di questa scelta?

“Innanzi tutto non si può progettare il futuro senza conoscere il passato, e quello che ho cercato di dire anche oggi è come, per far comprendere il nostro passato, abbiamo bisogno e necessità del nostro futuro. Quindi come le nuove tecnologie applicate al patrimonio culturale ci permettono di scoprirlo, di scandagliarlo, di valutarlo, di scoprire quella che ho chiamato la biografia dell’oggetto”.


“Un oggetto contiene in sé una biografia che va analizzata e questo lo rende unico”
, ha spiegato Greco, aggiungendo “questo vuol essere anche un momento di riflessione per capire come la cultura materiale appartenente al passato debba essere preservata, perché attraverso questo riusciamo a costruire il nostro DNA”.

“Noi siamo qui oggi grazie a decisioni che sono state prese migliaia di anni fa nella sponda Sud del Mediterraneo. Questo ci permette di capire quale spazio occupiamo nel mondo e, al contempo, le tecnologie usate in maniera intelligente ci permettono di rispondere alle domande fondamentali che il patrimonio ci pone, che sono molto semplici, sono le domande che si pone un bambino”.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Arte e tecnologia, Christian Greco: “Serve a conoscere il passat...