Aria di crisi in casa easyJet

(Teleborsa) – easyJet chiuderà le basi operative negli aeroporti di Londra Stansted e Southend e a Newcastle. Una decisione che si accompagna al licenziamento di 1.290 dipendenti del personale di volo presente nel Regno Unito.

Unite, il sindacato che rappresenta piloti e assistenti di volo di easyJet, contesta la decisione del vettore che ha ricevuto un prestito pubblico di 600 milioni di sterline, e ha pagato i dividendi agli azionisti all’inizio della crisi dovuta al Covid-19. Quasi tremila dipendenti di easyJet hanno votato chiedendo le dimissioni del chief operating officer Peter Bellew.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Aria di crisi in casa easyJet