Argentina, torna il peronismo: Macrì sconfitto da Fernandez

(Teleborsa) – In Argentina torna il peronismo, scalzato nel 2015 da Maurizio Macrì, che non è riuscito a conquistare la rielezione alla Casa Rosada. A vincere è il partito di centro-sinistra Todos di Alberto Fedrnandez, che guiderà il Paese assieme alla ex Presidente Cristina Fernandez de Kirchner.

Fernandez, già capo di gabinetto durante il governo di Nestor Kirchner, e poi Cristina Fernandez de Kirchner, dal 2003 al 2008, ha preso il 48,1% dei voti, schiacciando letteralmente al primo turno Maurizio Macrì, che ha conquistato solo il 40,4% delle preferenze. Fra gli altri partiti minori il 6,2% va a Roberto Lavagna, il 2,2% a Nicolas del Cano e e con quote fino al 2% i partiti Nos e Unite.

La caduta di Macri è stata decretata dalla perdita della provincia di Buenos Aires, ma soprattutto il Presidente uscente paga il prezzo di una crisi mai finita. Alla sua elezione nel 2015 aveva promesso grandi riforme e la fine della crisi. E invece, l’Argentina ha risolto (e parzialmente) solo il problema dei debiti verso l’estero, a scapito della forte contrazione delle importazioni e della liquidazione frettolosa di valuta estera “pregiata”, mentre è ancora divorata dalla crisi economica.

Lo slogan di Macrì “Sì, se puede!” prometteva benessere per tutti, un po’ in contrasto con la politica di austerity condotta in questi quattro anni di mandato, mentre il Paese si appresta a chiudere quest’anno con un PIL in contrazione del 2,7%, una iperinflazione al 60%, mai risolta, disoccupazione altissima, crisi industriale e povertà.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Argentina, torna il peronismo: Macrì sconfitto da Fernandez