Apprezzabile rialzo per la Borsa di Milano, allineata alle altre Borse europee

(Teleborsa) – Nonostante un avvio poco mosso chiudono in positivo la Borsa Italiana e gli altri principali listini del Vecchio Continente.

A trainarne la risalita, l’avvio delle contrattazioni americane sopra la parità nonostante i principali dati macroeconomici della giornata non abbiano registrato un risultato positivo o in linea con le attese.

Lieve aumento quindi per Piazza Affari
, al pari delle principali Borse Europee. A Wall Street, si muove vicino alla parità lo S&P-500.

L’Euro / Dollaro USA continua la seduta poco sotto la parità, con un calo dello 0,22%. Prevale la cautela sull’oro, che continua la seduta con un leggero calo dello 0,45%. Forte rialzo per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che mette a segno un guadagno dell’1,72%.

Lieve calo dello spread, che scende a +248 punti base, mentre il rendimento del BTP a 10 anni si attesta al 2,47%.

Nello scenario borsistico europeo si muove in modesto rialzo Francoforte, evidenziando un incremento dello 0,64%, bilancio positivo per Londra, che vanta un progresso dello 0,26%, e tonica Parigi che evidenzia un bel vantaggio dello 0,89%.

Il listino milanese mostra un timido guadagno in chiusura, con il FTSE MIB che ha messo a segno un +0,38%; sulla stessa linea, il FTSE Italia All-Share avanza in maniera frazionale, arrivando a 23.157 punti. Guadagni frazionali per il FTSE Italia Mid Cap (+0,64%), come il FTSE Italia Star (0,4%).

Dai dati di chiusura di Milano, il controvalore degli scambi nella seduta odierna risulta essere stato pari a 1,9 miliardi di euro, in ribasso (-7,8%), rispetto ai precedenti 2,06 miliardi; mentre i contratti si sono attestati a 208.315, rispetto ai precedenti 239.830, mentre i volumi scambiati sono passati da 0,58 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 0,55 miliardi.

A fronte dei 221 titoli trattati sulla piazza milanese, 110 azioni hanno chiuso in calo, mentre 94 azioni hanno portato a casa un incremento. Poco mosse le altre 17 azioni del listino italiano.

In luce sul listino milanese i comparti viaggi e intrattenimento (+1,56%), utility (+1,37%) e beni per la casa (+1,34%). Tra i peggiori della lista del listino azionario italiano, in maggior calo i comparti materie prime (-1,32%), immobiliare (-0,55%) e bancario (-0,53%).

Superato un avvio poco mosso, chiudono in positivo sia Borsa Italiana e gli altri principali listini del Vecchio Continente.

A trainarne la risalita, l’avvio delle contrattazioni americane sopra la parità nonostante i principali dati macroeconomici della giornata non abbiano registrato un risultato positivo o in linea con le attese.

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, decolla Moncler, con un importante progresso del 2,21%.

In luce Saipem, con un ampio progresso dell’1,85%.

Andamento positivo per Hera, che avanza di un discreto +1,85%.

Ben comprata Ferrari, che segna un forte rialzo dell’1,64%. Le peggiori performance, invece, si sono registrate su Unicredit, che ha chiuso a -1,39%.

Scivola Tenaris, con un netto svantaggio dell’1,33%.

In rosso Banco BPM, che evidenzia un deciso ribasso dell’1,29%.

Giornata fiacca per CNH Industrial, che segna un calo dello 0,92%.

Tra i migliori titoli del FTSE MidCap, Falck Renewables (+6,50%), ERG (+6,28%), Salini Impregilo (+4,48%) e Anima Holding (+2,58%). Le peggiori performance, invece, si sono registrate su doBank, che ha chiuso a -1,59%.

Spicca la prestazione negativa di Maire Tecnimont, che scende dell’1,52%.

Mondadori scende dell’1,49%.

Calo deciso per CIR, che segna un -1,15%.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Apprezzabile rialzo per la Borsa di Milano, allineata alle altre Borse...