Apple, maxi multa per aver violato un brevetto dell’Università del Winsconsin

Apple dovrà risarcire diversi milioni di dollari per violazione di brevetti.

Lo ha stabilito un Tribunale americano accogliendo così la richiesta avanzata non dall’arcirivale della Mela Morsa, Samsung, o da altri giganti della tecnologia, come di potrebbe supporre. A denunciare la violazione di un brevetti sui chip per la tecnologia mobile, in particolare su iPad e iPhone, è stata l’Università del Winsconsin per conto di alcuni suoi ricercatori.

Secondo la Giuria, che ha impiegato diverse ore per deliberare, i chip A7 di Apple (e, potenzialmente, i modelli successivi) di cui sono dotati iPhone 5 S, iPad Air e iPad Mini con display Retina, usano la una tecnologia brevettata dall’Ateneo nel 1998 che migliora la velocità e l’efficienza del processore, aumentando di oltre due ore la durata della batteria.

Il colosso di Cupertino dovrà pagare all’Università una multa di 234 milioni di dollari, 165 milioni meno di quanto richiesto dalla controparte.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Apple, maxi multa per aver violato un brevetto dell’Universit&ag...