Apple c’è: utili e ricavi sopra le stime nel terzo trimestre

(Teleborsa) – Apple non delude Wall Street presentando l’ennesimo bilancio in forte crescita. Il colosso di Cupertino ha chiuso il terzo trimestre fiscale con un utile netto di 11,52 miliardi di dollari, 2,34 dollari ad azione, in rialzo del 32% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente e al di sopra dei 2,18 dollari stimati dagli analisti.

Medesimo trend per i ricavi, balzati del 17% a quota 53,3 miliardi di dollari (52,3 miliardi il consensus), valore da record in quello che diventa dunque il terzo trimestre migliore di sempre per la Mela Morsa.

Meno esaltante la performance degli iPhone: nel periodo Apple ne ha infatti venduti 41,3 milioni, l’1% in più rispetto allo scorso anno. Il mercato attendeva 41,8 milioni di pezzi. L’incremento dei prezzi ha però permesso alla società di generare vendite per 29,9 miliardi di euro, in aumento del 20%. Il prezzo medio di vendita (average selling price, APS) è balzato infatti del 40% a 724 dollari. 

Il segmento Servizi, che comprende App Store, AppleCare, Apple Pay e Apple Music ha visto i ricavi salire del 28% a 9,5 miliardi di dollari.

Ancora meglio la categoria Altri prodotti che comprende, tra gli altri, l’Apple Watch, l’Apple TV e le cuffie wireless AirPods: in questo caso il fatturato è volato del 37% a 3,74 miliardi di dollari.

“Siamo sulla buona strada per raggiungere il nostro obiettivo, ossia il raddoppio dei ricavi del business Servizi nel periodo 2016-2020” ha commentato il Chief Executive Officer Tim Cook, che ha tra l’altro tentato di tranquillizzare gli investitori sui dazi voluti da Donald Trump spiegando che fino ad ora “nessun prodotto del gruppo ne è colpito” ma Apple studia l’impatto che potrebbe derivare da nuove tariffe doganali allo studio di Washington per altri 200 miliardi di dollari.

Da rilevare che nella regione che comprende Cina, Hong Kong e Taiwan il fatturato di Apple è aumentato del 19% a 9,551 miliardi. Le Americhe hanno continuato a generare la maggior parte dei ricavi (24,542 miliardi, +20%) seguite dall’Europa (12,138 miliardi, +14%).

Il mercato sembra aver apprezzato i numeri diffusi ieri sera a Wall Street chiusa: le azioni Apple sono infatti balzate del 4% nella sessione after hours.

Apple c’è: utili e ricavi sopra le stime nel terzo trimest...