Apertura in rosso per Wall Street. Crolla il Nasdaq

(Teleborsa) – Apertura di sessione debole per il listino USA, che scambia con un calo dello 0,66% sul Dow Jones; sulla stessa linea, giornata negativa per l’S&P-500, che continua la seduta a 3.819 punti, in calo dell’1,50%. In profondo rosso il Nasdaq 100 (-3,36%); sulla stessa linea, in netto peggioramento l’S&P 100 (-1,77%).

Il ribasso della borsa americana è guidato dalle perdite dei titoli tecnologici, mentre c’è grande attesa per le dichiarazioni davanti al Congresso di Jerome Powell, capo della Federal Reserve. Ogni parola che pronuncerà verrà attentamente soppesata dagli investitori, per trovare indizi su come la FED intende muoversi nei prossimi mesi per quanto riguarda la propria politica monetaria accomodante.

Utilities (+0,91%) e beni di consumo per l’ufficio (+0,74%) in buona luce sul listino S&P 500. In fondo alla classifica, i maggiori ribassi si manifestano nei comparti beni di consumo secondari (-3,67%), informatica (-2,74%) e telecomunicazioni (-1,42%).

In cima alla classifica dei colossi americani componenti il Dow Jones, Procter & Gamble (+2,09%), Verizon Communication (+1,74%), Coca Cola (+1,49%) e United Health (+1,32%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Apple, che prosegue le contrattazioni a -5,24%.

Affonda Home Depot, con un ribasso del 4,42%.

Crolla Nike, con una flessione del 3,12%.

Vendite a piene mani su Boeing, che soffre un decremento del 2,52%.

Sul podio dei titoli del Nasdaq, Amgen (+2,14%), Automatic Data Processing (+1,78%), Mondelez International (+1,53%) e Fiserv (+1,22%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Tesla Motors, che prosegue le contrattazioni a -12,74%.

Pessima performance per Moderna, che registra un ribasso del 12,70%.

Sessione nera per Baidu, che lascia sul tappeto una perdita dell’11,34%.

In caduta libera Bed Bath & Beyond, che affonda del 7,69%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Apertura in rosso per Wall Street. Crolla il Nasdaq