Antitrust, sanzioni per 680 mila euro su pane avanzato: Esselunga annuncia ricorso

Sanzionati gli operatori della Grande distribuzione per l'obbligo di reso del pane

(Teleborsa) – Sull’obbligo di reso del pane fresco rimasto invenduto, imposto dai principali operatori della Gdo (Coop Italia, Conad, Esselunga, Eurospin, Auchan e Carrefour) ai propri fornitori, l’Antitrust ha concluso sei procedimenti accertando la natura illecita di talune condotte e comminando sanzioni per 680 mila euro. Così il presidente dell’Agcm, Roberto Rustichelli, nella sua prima relazione annuale, spiegando che l’obbligo di reso è quello che impone al panificatore “di ritirare a fine giornata l’intera quantità di prodotto rimasta invenduta sugli scaffali, restituendo all’acquirente il prezzo corrisposto per l’acquisto”.

Esselunga ha già fatto sapere che intende presentare ricorso contro la multa dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato” per una pretesa violazione delle relazioni commerciali nella filiera agroalimentare denunciata dall’associazione di panificatori Assipan”. “Come avevamo avuto modo di sottolineare in occasione dell’apertura dell’istruttoria, nel settembre 2018, il pane da noi venduto è per il 95% sfornato direttamente nei panifici dei nostri negozi, cioè non è fornito da panificatori terzi”, precisa il gruppo in una nota ufficiale.

Coop “prende atto del provvedimento, riafferma la correttezza del proprio operato sul tema convinti di aver agito nell’interesse dei soci e dei consumatori, mantenendo al tempo stesso un rapporto corretto con i fornitori”. Coop in una nota fa sapere che valuterà nei prossimi giorni “le motivazioni della sentenza e decideremo come difendere le nostre buone ragioni non escludendo fin d’ora la possibilità di un ricorso“.

COSA ERA SUCCESSO – A settembre dello scorso anno, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato aveva aperto sei istruttorie nei confronti dei principali operatori nazionali nel settore della Grande Distribuzione Organizzata (Coop Italia, Conad, Esselunga, Eurospin, Auchan e Carrefour) per verificare una presunta pratica sleale a danno delle imprese di panificazione.

Procedimenti, avviati su segnalazione della principale associazione nazionale di panificatori, Assipan-Confcommercio Imprese per l’Italia, volti ad accertare eventuali violazioni delle regole sulle relazioni commerciali nella filiera agro-alimentare.

La condotta contestata consiste nell’imposizione, ai propri fornitori di pane fresco, dell’obbligo di ritirare e smaltire a proprie spese l’intero quantitativo di prodotto invenduto a fine giornata. La differenza di valore tra il pane consegnato ad inizio giornata e quello reso a fine giornata viene poi riaccreditata al compratore della GDO sugli acquisti successivi.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Antitrust, sanzioni per 680 mila euro su pane avanzato: Esselunga annu...