Antitrust, da compagnie aeree rimborso voli garantito in tempi certi

(Teleborsa) – Dopo l’intervento dell’Antitrust Vueling, EasyJet, Blue Panorama e Ryanair hanno apportato modifiche alle comunicazioni inviate e alle procedure di assistenza e di rimborso in caso di cancellazione o di riprogrammazione dei voli. In particolare, le compagnie hanno limitato l’utilizzo della causale per la pandemia Covid ai soli casi in cui non è stato oggettivamente possibile operare il volo a causa di restrizioni ai trasferimenti di persone.

A comunicarlo è la stessa Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato che aveva avviato quattro sub-procedimenti nei confronti delle compagnie aeree a fine settembre per sospendere la vendita di biglietti per voli poi cancellati unilateralmente, offrendo in cambio ai consumatori soltanto i voucher. La cancellazione era motivata con la diffusione del contagio da Covid-19, sebbene i servizi si riferissero a un periodo e a destinazioni senza i limiti di circolazione stabiliti dai provvedimenti governativi. Il tutto, peraltro, senza fornire assistenza e adeguata informazione.

I vettori hanno previsto, inoltre, la possibilità di richiedere il rimborso pecuniario con tempi certi e attraverso procedure automatizzate. L’eventuale scelta di richiedere il voucher è lasciata solo al consumatore. Vueling, EasyJet, Blue Panorama e Ryanair hanno anche rafforzato le misure di assistenza ai consumatori predisponendo strumenti di contatto gratuiti e attraverso un significativo incremento degli addetti ai call center.

L’Antitrust ha deciso quindi di non adottare alcuna misura cautelare a conclusione dei quattro sub-procedimenti, mentre proseguono i procedimenti principali per accertare eventuali pratiche commerciali scorrette.

“Bene, ottima notizia ma non basta”, ha commentato la notizia Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. “Da un lato, infatti, attendiamo le sanzioni pecuniarie nei procedimenti principali. Dall’altro, serve il superamento della politica dei voucher, senza se e senza ma, anche in caso sia veritiera la cancellazione del volo per la causale della pandemia” ha aggiunto Dona.

“I voucher obbligatori, anche se legati al Covid, sono illegali e contrari alla normativa europea, al Reg. (CE) n. 261/2004, non a caso l’Europa ha già aperto una procedura di infrazione contro l’Italia. Vanno, quindi, cancellati definitivamente”, ha concluso il presidente di Unc.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Antitrust, da compagnie aeree rimborso voli garantito in tempi certi