Ansaldo STS, assemblea di fuoco a Genova

(Teleborsa) – Assemblea di fuoco oggi a Genova per i soci di Ansaldo STS, controllata dal gruppo giapponese Hitachi e partecipata con una quota di minoranza dal Fondo Elliott.

All’ordine del giorno, infatti, vi saranno anche le deliberazioni relative all’azione di responsabilità nei confronti dell’amministratore Giuseppe Bivona, a suo tempo scelto dai soci di minoranza quale consigliere indipendente nell’ambito della lista presentata dal Fondo Elliott.

Al consigliere Bivona viene imputato un comportamento “ostruzionistico” nei confronti del CdA e della gestione, conseguente alla miriade di lettere inviate dallo stesso al collegio sindacale, all’internal audit, alla Consob ed alla Procura di Milano. In queste lettere, Bivona denunciava comportamenti perlopiù contrari alla governance, di natura organizzativa e procedurale, e non in merito alla gestione.

In queste lettere, in particolare, si metteva in discussione il requisito di indipendenza di un consigliere scelto nella lista Hitachi, l’irregolare composizione degli organi interni e la nomina lampo dell’Ad Adrew Barr.
 
La società, dunque, prima di Natale, ha censurato il comportamento di Bivona, parlando di “grave violazione dei doveri di amministratore: per eccesso di potere e conflitto di interessi con la società”, ed ha dato mandato all’Ad di valutare la presentazione di un esposto/querela nei confronti dello stesso per aver diffuso “informazioni riservate” a mezzo di tali lettere. Il 4 gennaio scorso, poi, questo punto (azione responsabilità) è stato inserito all’ordine del giorno dell’odierna assemblea.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Ansaldo STS, assemblea di fuoco a Genova