Anima, CdA approva condizioni dell’aumento di capitale da 300 milioni

(Teleborsa) – Anima Holding scivola a Piazza Affari mostrando un ribasso del 3,11%.

Il CdA haapprovato le condizioni dell’aumento di capitale da 300 milioni, il cui ricavato servirà a finanziarie le ultime importanti operazioni strategiche perfezionate dal Gruppo.

Nel dettaglio, saranno emesse fino un massimo di 71.898.869 nuove azioni, da offrire in opzione agli azionisti dell’Emittente aventi diritto nel rapporto di 7 Nuove Azioni ogni 30 azioni possedute, al prezzo di sottoscrizione di 4,17 euro per ciascuna nuova Azione (di cui 0,019 euro a titolo di capitale e Euro 4,151 a titolo di sovraprezzo). 

Il controvalore massimo dell’offerta, pertanto, sarà pari a 299.818.283,73 euro, di cui 1.366.078,51 a titolo di capitale e 298.452.205,22 a titolo di sovraprezzo.

Il prezzo di sottoscrizione delle nuove azioni oggetto di offerta incorpora uno sconto del 27,3% sul prezzo teorico ex diritto (c.d. Theoretical Ex Right PriceTERP) delle azioni Anima, calcolato sulla base del prezzo di chiusura del 21 Marzo 2018.

Il calendario dell’offerta prevede che i diritti di opzione validi per la sottoscrizione delle azioni di nuova emissione, siano esercitabili, a pena di decadenza, dal 26 marzo 2018 al 12 aprile 2018 (estremi inclusi). I diritti saranno negoziabili sul Mercato Telematico Azionario (MTA) dal 26 marzo 2018 al 6 aprile 2018.

I diritti non esercitati al termine del periodo saranno offerti in borsaper almeno cinque giorni entro il mese stesso. Le date verranno comunicate successivamente.

L’avvio dell’operazione è subordinato al via libera da parte della Consob al prospetto informativo relativo all’offerta e all’ammissione a quotazione delle azioni di nuova emissione.

Poste Italiane  e Banco BPM  hanno annunciato che aderiranno all’aumento. BPM ha assunto l’impegno irrevocabile di esercitare tutti i diritti di opzione spettanti alla propria partecipazione entro la fine del periodo di Opzione. 

Anche Poste Italiane che detiene una partecipazione in Anima pari a circa il 10,04%, ha precisato che “procederà a sottoscrivere le azioni di nuova emissione di Anima per la quota di sua spettanza.

Marco Carreri, Alessandro Melzi D’Eril, Pierluigi Giverso e Filippo Di Naro, rispettivamente, amministratore delegato, direttore generale, responsabile della divisione marketing & distribution e responsabile della divisione investment services, complessivamente titolari di azioni ordinarie pari allo 0,51% del capitale, si sono impegnati irrevocabilmente ad esercitare pro-quota tutti i diritti di opzione a loro spettanti entro la fine del periodo di opzione.

Anima, CdA approva condizioni dell’aumento di capitale da 300&nb...