Anief: “Garantire la continuità didattica nel sostegno”

Il sindacato rimarca come non sia presente un piano di revisione e di investimenti per il settore degli alunni con disabilità

Teleborsa – Per garantire la continuità didattica speciale bisogna assumere insegnanti di sostegno più che “mettere toppe”, in vista di una revisione completa dell’insegnamento del settore. È quanto sostiene il sindacato Anief in merito alla decisione del Miur di posticipare l’entrata in vigore del decreto legislativo n. 66/2017 dal 1° gennaio al 1° settembre 2019 in attesa di una riforma del sostegno.

Pur riconoscendo alcune positività, come il cambio delle regole per l’attribuzione delle ore di sostegno e in generale l’intenzione del ministero di sistemare le storture attuali, il sindacato sottolinea come ancora manchi un piano di revisione e di investimenti per il settore degli alunni con disabilità che, ricorda l’Anief citando dati Istat, “con un incremento costante di 10mila nuovi iscritti l’anno è arrivato all’attuale numero di 280mila alunni disabili iscritti“.

La continuità didattica non si garantisce abolendo le competenze relative al ciclo scolastico degli insegnanti o limitando al 50% i trasferimenti su posto comune, ma assumendo in ruolo i 40 mila supplenti oggi chiamati in deroga fino al 30 giugno su posti liberi, in modo da risparmiare soldi“, commenta il presidente di Anief Marcello Pacifico. “Quello delle assunzioni sui tanti posti liberi è l’unico modo per garantire, ogni inizio d’anno scolastico e non in autunno, la copertura di tutti i posti richiesti dalle scuole”.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Anief: “Garantire la continuità didattica nel sostegno&#82...