Anief: “Aran, in mancanza della firma pronti ad andare in tribunale”

(Teleborsa) – Sono state convocate per il 19 e il 20 giugno le Confederazioni sindacali per l’avvio dei lavori dopo le ultime elezioni Rsu. Nel comparto scolastico, la novità più importante riguarda l’entrata dell’Anief che – sottolinea il giovane sindacato – “andrà a creare una rottura nel monopolio sindacale, a certi equilibri contrattuali, che duravano oramai da decenni”.

Si tratterà del terzo incontro sullo stesso tema senza che la situazione sia sia sbloccata; per questo Anief ritiene che alcune parti presenti al tavolo vogliano ritardare il più possibile l’accesso del nuovo sindacato, “come è già palese l’ostracismo di alcune Confederazioni, derivante dalla sicura perdita di ore di permesso e distacchi per i propri quadri dirigenziali”, si legge in una nota

“Sono passati ormai quasi15 mesi da rinnovo delle ultime elezioni Rsu: di questo passo, terminerà il triennio senza che il nuovo assetto sindacale, derivante dal rinnovo delle rappresentanze e dal numero di iscritti, possa esercitare i propri diritti, condurre le richieste dei propri associati e realizzare un miglioramento effettivo dei servizi professionali, con ricadute dirette sull’organizzazione scolastica e sulla didattica”, ha dichiarato Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief.

“Solo alcune Confederazioni continuano a traccheggiare per l’effettivo rinnovo dei comparti e delle aree. Ma la maggioranza dei presenti al tavolo – continua il presidente Anief – è chiaramente orientata a rinnovare gli equilibri di rappresentanza, certificando le nuove quote pubblicate anche dall’Aran ad inizio 2019. In caso contrario, saremo costretti a chiedere un intervento urgente del giudice”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Anief: “Aran, in mancanza della firma pronti ad andare in tribun...