Andamento depresso per Milano e le altre borse europee

(Teleborsa) – Seduta difficile per Piazza Affari e per gli altri listini europei, con Milano alle prese con le reazioni per l’arrivo della lettera da Bruxelles sullo sforamento dei conti pubblici.

Lieve calo dell’Euro / Dollaro USA, che scende a quota 1,113. Lieve aumento dell’oro, che sale a 1.282 dollari l’oncia. Giornata da dimenticare per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che scambia a 57,38 dollari per barile, con un ribasso del 2,98%.

Si riduce di poco lo spread, che si porta a +281 punti base, con un lieve calo di 3 punti base, mentre il rendimento del BTP a 10 anni si attesta al 2,64%.

Tra gli indici di Eurolandia affonda Francoforte, con un ribasso dell’1,57%, si concentrano le vendite su Londra, che soffre un calo dell’1,15%, e crolla Parigi, con una flessione dell’1,70%.

Sessione negativa per Piazza Affari, con il FTSE MIB che lascia sul parterre l’1,29% portandosi sotto i 20.000 punti; si muove in retromarcia il FTSE Italia All-Share, che scivola a 21.916 punti. Negativo il FTSE Italia Mid Cap (-0,94%), come il FTSE Italia Star (-1,8%).

Si distingue a Piazza Affari il settore viaggi e intrattenimento ed esibisce un +0,73% sul precedente.

Nella parte bassa della classifica di Piazza Affari, sensibili ribassi si manifestano nei comparti beni per la casa (-2,26%), costruzioni (-2,25%) e utility (-2,15%).

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, brilla Unicredit, con un forte incremento (+2,22%).

Piccoli passi in avanti per Banco BPM, che segna un incremento marginale dello 0,89%.

Giornata moderatamente positiva per Recordati, che sale di un frazionale +0,63%.

I più forti ribassi, invece, si verificano su Terna, che continua la seduta con -3,42%.

Vendite a piene mani su Moncler, che soffre un decremento del 3,13%.

Pessima performance per UnipolSai, che registra un ribasso del 2,94%.

Sessione nera per Buzzi Unicem, che lascia sul tappeto una perdita del 2,88%.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Banca Popolare di Sondrio (+3,91%), Autogrill (+1,45%), Ivs Group (+1,42%) e Tod’s (+1,02%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Mutuionline, che ottiene -4,16%.

In caduta libera RCS, che affonda del 3,81%.

Pesante FILA, che segna una discesa di ben -3,78 punti percentuali.

Seduta drammatica per Fincantieri, che crolla del 3,77%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Andamento depresso per Milano e le altre borse europee