Amazon, respinto ricorso precari: “No a contratto stabile”

(Teleborsa) – Niente contratto a tempo indeterminato per i lavoratori interinali in Amazon. Lo ha stabilito il Giudice del Lavoro di Milano Eleonora Porcelli, respingendo i ricorsi di una decina di lavoratori in somministrazione che chiedevano l’assunzione con un contratto permanente nello stabilimento di Castel San Giovanni (Piacenza). Le motivazioni del provvedimento del giudice Porcelli saranno depositate entro 60 giorni.

I ricorsi – circa 180 i lavoratori che hanno fatto causa tra Milano e Piacenza – sono stati presentati dopo un’indagine dell’Ispettorato del Lavoro, secondo cui erano state superate le quote di interinali, tra luglio e dicembre 2017.

DUE A ZERO PER AMAZON – Quella arrivata nella giornata di ieri per i lavoratori che hanno fatto ricorso è la prima sentenza del Tribunale del Lavoro di Milano, dopo che a Piacenza, ai primi di luglio, il giudice aveva respinto i ricorsi di un’altra cinquantina di lavoratori di Amazon. Le prime sentenze segnano un due a zero per il colosso dell’ecommerce.

L’ANTEFATTO – Nel dicembre 2017 i funzionari dell’ispettorato del Lavoro si presentarono nello stabilimento di Amazon di Castel San Giovanni per accertare le condizioni di lavoro e la regolarità dei contratti dei lavoratori del colosso della logistica, accertando violazioni in materia di somministrazione del lavoro.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Amazon, respinto ricorso precari: “No a contratto stabile”