Amazon apre il primo negozio fisico di libri a Seattle

Dalla rinomata Manhattan a Seattle, Amazon.com ha fatto un lungo viaggio per aprire il suo primo negozio fisico, ma il centro commerciale dell’University Village della città natia sembra aver sciolto le riserve del colosso dell’eCommerce, che da tempo meditava di atterrare nel modo “reale”. 

Una scelta un po’ singolare per una società nata sul web e che ha fatto dell’eCommerce il suo tratto distintivo ed il suo punto di forza, di fronte al continuo declino della carta stampata.

Un anno fa, la stampa americana indicava la meta del primo store Amazon nella splendida Manhattan, anche come progetto pilota, includendo varie tipologie di prodotti: dall’elettronica ai libri. IL progetto evidentemente non ha convinto.

Invece, la big del commercio elettronico, guidata da Jeff Bezos, forte anche di risultati trimestrali boom, ha annunciato l’apertura a Seattle del primo Amazon Books, solo libri quindi, anche in versione digitale (nello store si potranno provare gli eBook Kindle e i tablet Fire). 

Nello Store saranno a disposizione circa 5 mila titoli, tutti quelli inclusi sul sito web. Il Presidente del gruppo, Jennifer Cast, nell’annunciare l’iniziativa, ha spiegato che Amazon Books sarà un’estensione fisica di Amazon.com e nasce da 20 anni di esperienza nel settore, coniugando i vantaggi del commercio “online” ed “offline”.

La “rivoluzione” di Amazon a vantaggio del mondo fisico non è finita qui. Il colosso del commercio online ha infatti annunciato anche l’apertura di un nuovo magazzino a Milano, che consentirà al clienti Prime di ricevere la merce desiderata in 1 ora, per ora solo in provincia di Milano.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Amazon apre il primo negozio fisico di libri a Seattle