Alta tensione sullo spread che arriva a 340 punti

(Teleborsa) – Sale la tensione sullo spread, che si posiziona a 338 punti base, con un forte incremento di 18 punti base, mentre il BTP con scadenza 10 anni riporta un rendimento del 3,77%, dopo aver toccato quota 340, nuovo massimo dal 2013.

I titoli di stato italiani continuano a pagare le preoccupazioni degli investitori. A farne le spese i CDS, acronimo con cui sul mercato sono indicati i contratti Credit Default Swap. La forte domanda di copertura contro il possibile default degli istituti di credito italiani e della stessa Italia ha spinto il prezzo dei CDS sui titoli di stato a 5 anni a quota 287,55 in salita dell’1,85%.

A pesare una Manovra che non piace all’Europa. L’ultimo atto della diatriba tra Bruxelles e Roma si è consumato ieri 18 ottobre ed ha assunto i connotati di una lettera.

Dopo battute, critiche, smentite, il colpo all’Italia da parte dell’Ue è arrivato sotto forma di lettera inviata al ministro dell’Economia, Giovanni Tria. La Commissione europea accusa il Paese di “inadempienza particolarmente grave”, invitando l’Italia a rispondere alla lettera entro il 22 ottobre, in modo da poter formulare una valutazione definitiva.

Stamane non si è fatta attendere la reazione dei mercati. Gli investitori si danno alle vendite a Piazza Affari portando il FTSE MIB in rosso dell’1,52%.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Alta tensione sullo spread che arriva a 340 punti