Almaviva, MISE: bloccati i trasferimenti e tutelata occupazione

(Teleborsa) – Bloccati i trasferimenti del gruppo Almaviva dalla Sicilia alla Calabria. Dopo una laboriosa trattativa, è stata scongiurata questa eventualità grazie al lavoro di mediazione del viceministro Teresa Bellanova. Un incontro definitivo tra aziende e sindacati è stato convocato per martedì mattina alle 11 presso il ministero dello Sviluppo economico.

L’ipotesi di lavoro mira a garantire la salvaguardia dei livelli occupazionali, puntando al ricollocamento delle 395 persone impegnate sulla commessa Enel e attualmente operanti per la società Almaviva Contact nella sede di Palermo. Exprivia, la società vincitrice della gara per la gestione del call center Enel, è disponibile ad assumere 297 risorse a tempo indeterminato.

La società Almaviva Contact si impegna invece a mantenere alle proprie dipendenze, nella sede di Palermo, i restanti 98 dipendenti con gli attuali profili orari.

Exprivia riconoscerà i diritti di cui godono attualmente i dipendenti di Almaviva.

A tutela dei lavoratori, un gruppo di monitoraggio dovrà effettuare incontri di verifica con cadenza quadrimestrale a livello territoriale e nazionale (presso il ministero dello Sviluppo economico).

“Ho seguito in prima persona le trattative avendo a cuore e sentendo la responsabilità delle sorti dei lavoratori” afferma il viceministro Bellanova” per avere questo risultato ho lavorato incessantemente, mettendo a disposizione le strutture e lo staff del Ministero con l’obiettivo di evitare la perdita di posti di lavoro a Palermo”.

Almaviva, MISE: bloccati i trasferimenti e tutelata occupazione