Allarme povertà per i lavoratori autonomi: il ceto medio produttivo arranca

(Teleborsa) – La povertà ha colpito soprattutto i lavoratori autonomi.

A dirlo è un’elaborazione della CGIA di Mestre, secondo la quale l’anno scorso il 24,9% delle famiglie con reddito principale da lavoro autonomo ha vissuto con una disponibilità economica inferiore a 9.455 euro annui, che è la soglia di povertà totale calcolata dall’ISTAT.

Praticamente una su quattro si è trovata in una condizione di vita non accettabile

Per quelle con reddito da pensioni/trasferimenti sociali e da lavoro dipendente, invece, la percentuale al di sotto della soglia di povertà è stata inferiore. Per le prime, infatti, l’incidenza si è attestata al 20,9%, per le seconde al 14,6%.

Tra il 2010 e il 2014 la quota di nuclei familiari in cattive condizioni economiche è aumentata di 1,2 punti percentuali. Per i pensionati la povertà è scesa dell’1 per cento, tra i dipendenti è aumentata dell’1 per cento, mentre tra il cosiddetto popolo delle partite Iva l’incremento è stato del 5,1 per cento, anche se va sottolineato che nell’ultimo anno la variazione è stata pressoché nulla, sottolinea la Confederazione.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Allarme povertà per i lavoratori autonomi: il ceto medio produttivo a...