Allarme di Osborne sulla Brexit: economia cadrebbe in recessione

(Teleborsa) – Allarme del Tesoro britannico sull’ipotesi di Brexit, in vista dell’avvicinarsi del voto sulla permanenza in Europa della Gran Bretagna, il 23 giugno prossimo. 

A suonare l’allarme, dopo quello del FMI, è stato il cancelliere dello Scacchiere Gorge Osborne, paventando una caduta in recessione del Regno Unito: se l’ipotesi si verificasse si potrebbe perdere il 6% di PIL entro il 2030. Tale contrazione si tradurrebbe in 4.300 sterline l’anno in meno di reddito a famiglia.

Queste previsioni sono contenute in un rapporto di 200 pagine stilato dal ministero del Tesoro britannico, che è stato già contestato dagli euroscettici, in cui si traccia un quadro catastrofico.

Ai sostenitori del sì al referendum per l’uscita dall’UE, Osborne risponde che è “pura fantasia” che la Gran Bretagna riuscirebbe a spuntare un accordo più vantaggioso con l’UE, in caso uscita dall’area e quindi vi sarebbero conseguenze pesanti a livello commerciale ed un generale impoverimento dell’economia per decenni.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Allarme di Osborne sulla Brexit: economia cadrebbe in recessione