Allarme del G7 sulla Brexit: minaccia per l’economia mondiale

(Teleborsa) – La Brexit, ossia l’eventuale uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea, sarebbe uno choc per l’economia mondiale. Come tanti, vedi OCSE e FMI, ne è convito anche il G7, che in occasione del vertice a Sendai si è molto concentrato sul referendum del 23 giugno. “Le incertezze sono aumentate, con i conflitti geopolitici, il terrorismo, l’afflusso di rifugiati e, inoltre, lo shock di una eventuale uscita della Gran Bretagna dall’UE che andrebbe a complicare il contesto economico mondiale”, si legge nel comunicato ufficiale della riunione dei ministri delle Finanze e banchieri centrali delle 7 maggiori economie avanzate.

Al centro dell’attenzione dei ministri anche la Grecia, con gli Stati Uniti pronti a supportare l’FMI affinché ad Atene venga concesso un alleggerimento del debito. Intanto il Parlamento di Atene ha approvato un nuovo pacchetto di misure di austerità richieste dai creditori internazionali per ottenere in cambio una nuova tranche di aiuti prima della riunione dell’Eurogruppo che si terrà martedì. 

Questo scenario, sostiene il centro studi Official Monetary and Financial Institutions Forum, starebbe indirettamente aiutando i Paesi più indebitati dell’UE, tra cui anche l’Italia, ad ottenere posizioni “più concilianti” dalla Commissione europea.

Allarme del G7 sulla Brexit: minaccia per l’economia mondiale
Allarme del G7 sulla Brexit: minaccia per l’economia mondiale