Allarme deflazione in Cina. Prezzi giù per la prima volta in 7 mesi

(Teleborsa) – Frena bruscamente l’inflazione in Cina, registrando il primo cedimento negli ultimi 7 mesi, a conferma che il rischio deflazione è cresciuto anche nella maggiore economia asiatica. 

L’indice dei prezzi al consumo è aumentato del 2% tendenziale a maggio, mostrando un forte rallentamento rispetto al 2,3% registrato nel mese di aprile.

L’inflazione si rivela anche al di sotto del consensus del 2,2% e resta ben lontana dai tassi di crescita che caratterizzavano l’economia cinese qualche anno fa, quando la crescita economica era più vicina a quella di un Paese in via di sviluppo. 

Se poi il dato si confronta con il target del 3% fissato da Pechino, il dato sull’inflazione segnala una fortissima probabilità di intervento della banca centrale a sostegno dei prezzi. 

Su mese, i prezzi al consumo hanno registrato un calo dello 0,5% a maggio, che segue il -0,2% di aprile. 

L’ufficio statistico cinese ha diffuso anche il dato sui prezzi alla produzione, che hanno registrato invece un rallentamento del ritmo di caduta, registrando un calo annuo del 2,8%, dopo il -3,4% di aprile ed il -4,3% di marzo. Si base mensile i prezzi all’industria sono saliti infatti dello 0,5%.

Allarme deflazione in Cina. Prezzi giù per la prima volta in 7 m...