Alitalia, il prestito ponte nel mirino di Bruxelles

(Teleborsa) – Bruxelles vuole vederci chiaro sul prestito ponte da 900 milioni di euro concesso ad Alitalia. Come già reannunciato a metà aprile la Commissione Europea ha avviato un’indagine per valutare se il prestito costituisca o meno un aiuto di Stato e verificare che sia in linea con le norme UE sugli aiuti alle imprese in difficoltà. Lo riferisce una nota dell’Antitrust comunitario pubblicata oggi 23 aprile a Bruxelles.

Dunque mentre su attende il decreto cheprorogherà di sei mesi l’iter di vendita dell’ex compagnia di bandiera si fa strada l’avvio della procedura per aiuti di Stato, peraltro da molti ipotizzata sin dal primo momento. 

A Bruxelles dunque i dubbi hanno prevalso sulle spiegazioni ricevute. Primo tra tutti l’entità dei tassi con cui il prestito è stato concesso, poiché le regole europee impongono che siano esattamente corrispondenti a quelli di mercato. A seguire la durata, che, sempre secondo le regole, non deve superare i sei mesi. E nel caso di Alitalia c’è uno “sforamento” di ben 11 mesi. E, infine, la “consistenza”.

“La Commissione ha il dovere di assicurarsi che i prestiti concessi alle compagnie da parte degli Stati membri siano in linea con le regole UE sugli aiuti di Stato. Indagheremo se sia così per Alitalia”, ha dichiarato il Commissario europeo alla Concorrenza Margrethe Vestager

 

Alitalia, il prestito ponte nel mirino di Bruxelles