Alitalia, il fondo Cerberus fra i pretendenti con mire più ambiziose di Lufthansa

(Teleborsa) – Resta in primo piano la questione della vendita di Alitalia, per la quale sarebbe in corsa anche il fondo americano Cerberus, che si dice disposto a rilevate tutto in blocco, mentre Lufthansa conferma una posizione più defilata, mostrando interesso solo per alcuni asset più di pregio del vettore italiano. 

E’ di stamattina la notizia riportata dal Financial Times di un interesse di Cerberus Capital Management, che si dice disponibile a rilevare tutto in blocco per una cifra compresa fra 100 e 400 milioni, purché sia dato campo libero ad una completa ristrutturazione sia delle attività di volo che quelle a terra ed eventualmente con la presenza del governo nel capitale. Il Fondo statunitense avrebbe dalla sua un famoso precedente: il salvataggio di Air Canada.

Fra le sette manifestazioni d’interesse giunte ai commissari, come noto, c’è anche quella di Lufthansa, che si conferma disposta a rilevare solo alcuni asset, come accaduto con Air Berlin.  In occasione della presentazione dei risultati trimestrali, il CFO della compagnia tedesca, Ulrik Svensson, ha definito il mercato italiano “molto interessante”, ma ha ribadito che “è fuori questione” rilevare Alitalia alle condizioni attuali. 

Tra gli altri pretendenti di Alitalia si sa già che figura anche EasyJet, benché allo stadio attuale le bocche sono cucite sui contenuti della sua proposta, mentre resta fuori Ryanair, che ha annunciato l’abbandono della gara in seguito alle ripercussioni dei voli cancellati.

Alitalia, il fondo Cerberus fra i pretendenti con mire più ambiziose ...