Aiuti di Stato, CNA: proroga di 6 mesi non basta

(Teleborsa) – La proroga di sei mesi e l’ampliamento del quadro temporaneo sugli aiuti di Stato decisa ieri dalla Commissione Europea rappresenta un positivo passo in avanti, ma insufficiente. È quanto sottolinea la CNA che spiega in una nota di aver chiesto una deroga di almeno 12 mesi considerando che è impossibile prevedere la durata degli effetti socio-economici della pandemia.

Artigiani e piccole imprese sono i più colpiti dalla profonda crisi ed è purtroppo ragionevole ipotizzare che il bisogno del sostegno pubblico (moratoria e garanzie sui prestiti) dovrà essere garantito ancora a lungo”, sottolinea l’organizzazione.

Intanto CNA auspica che l’Eba segua l’orientamento della Commissione Europea prorogando la deroga sulla riclassificazione dei crediti alle imprese che è scaduta a fine settembre. Inoltre, la Confederazione sollecita affinché venga assicurata la massima flessibilità delle norme e della regolamentazione bancaria fino a quando non rientrerà l’emergenza sanitaria.

A tal riguardo, l’organizzazione rileva la necessità di una revisione della normativa europea sul calendar provisioning (le nuove norme sulla copertura dei crediti deteriorati) e di una dilazione dell’entrata in vigore delle nuove definizioni di default previste dal primo gennaio prossimo. “Disposizioni che in piena pandemia avrebbero effetti devastanti sui flussi di credito alle imprese oltre a minare la solidità del sistema bancario”, conclude CNA.

(Foto: Cristof Echard – © Unione Europea)

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Aiuti di Stato, CNA: proroga di 6 mesi non basta