Airbus, nel 2020 fatturato sotto i 50 miliardi e perdite per 1,1 mld: nessun dividendo

(Teleborsa) – I risultati finanziari di Airbus per il 2020 rispecchiano le difficoltà che il settore aereo ha dovuto affrontare con la pandemia da Covid-19. Il consorzio europeo di aeromobili ha infatti registrare perdite nette per 1,13 miliardi di euro, in leggera flessione rispetto a quella del 2019 quando a pesare sui conti dell’azienda era stata la multa da 3,6 miliardi di euro che aveva accettato di pagare a a Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti.

Il fatturato del gruppo è sceso a 49,9 miliardi di euro (nel 2019 erano stati 70,5 miliardi di euro) “a causa del difficile contesto di mercato che ha avuto un impatto sul business degli aerei commerciali con il 34% di consegne in meno su base annua”. Airbus spiega che sono stati consegnati un totale di 566 aeromobili commerciali (contro i 863 dell’anno precedente), di cui 38 A220, 446 A320 Family, 19 A330, 59 A350 e 4 A380. Quasi la metà delle consegne è avvenuta nell’ultimo trimestre. Quanto alla divisione Helicopters questa ha registrato consegne per 300 unità (332 unità) con ricavi in ??aumento di circa il 4%, “beneficiando di un mix di prodotti favorevole e di una crescita dei servizi”. Infine, i ricavi di Airbus Defence and Space sono diminuiti di circa il 4%, “riflettendo principalmente il volume inferiore e l’impatto di Covid-19 sulla fase di business, principalmente nei sistemi spaziali”.

Quanto agli ordini netti di aeromobili commerciali, questi ammontavano a 268 (768 aeromobili l’anno precedente) con il portafoglio ordini composto da 7.184 aeromobili commerciali al 31 dicembre 2020. Airbus Helicopters ha registrato invece 268 ordini netti (nel 2019 310 unità), di cui 31 NH90 per la Bundeswehr tedesca. L’assunzione di ordini in valore di Airbus Defence and Space è invece aumentata del 39% su base annua a 11,9 miliardi di euro “principalmente a causa di importanti contratti con gli aerei militari”. Tra questi un contratto firmato a novembre con la Germania per la consegna di 38 nuovi Eurofighter per l’aviazione.

EBIT adjusted consolidato ammonta a 1,7 miliardi di euro (ne 2019 era di 6,9 miliardi) che “riflette principalmente la performance più debole degli aerei commerciali, supportata da un forte contributo di Airbus Helicopters e Airbus Defence and Space. Le spese consolidate di ricerca e sviluppo autofinanziate sono diminuite a quasi 2,9 miliardi di euro (nel 2019 sono stata 3,36 miliardi).

“I risultati del 2020 dimostrano la resilienza di Airbus nella crisi più impegnativa per colpire l’industria aerospaziale. Voglio ringraziare i nostri team per i loro grandi risultati nel 2020 e riconoscere il forte sostegno delle nostre attività Elicotteri e Difesa e Spazio. Vorrei anche ringraziare i nostri clienti, fornitori e partner per la loro fedeltà ad Airbus – ha affermato Guillaume Faury, amministratore delegato di Airbus – Rimangono molte incertezze per il nostro settore nel 2021, poiché la pandemia continua a colpire vite, economie e società. Abbiamo pubblicato una guida per fornire una certa visibilità in un ambiente volatile. A lungo termine, la nostra ambizione è guidare lo sviluppo di un’industria aerospaziale globale sostenibile “.

Non sarà proposto alcun dividendo per il 2020: “questa decisione mira a rafforzare la resilienza finanziaria della Società proteggendo la posizione di cassa netta e supportando la sua capacità di adattarsi all’evolversi della situazione”, ha spiegato. L’azienda per il 2021 prevede uno numero di consegne di aeromobili commerciali analogo a quello del 2020 e un EBIT adjusted di 2 miliardi di euro.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Airbus, nel 2020 fatturato sotto i 50 miliardi e perdite per 1,1 mld: ...